Ankara- Lulù e Gigì, ultimo atto.

Ore 10 di sabato 24 marzo.

Finalmente il sole, il caldo e la primavera. Lulù e Gigì, le gazze, riescono a completare il nido che hanno deciso di costruire  sull’albero di fronte al nostro terrazzo . Entrano ed escono di continuo negli ultimi giorni, stanno finendo di mettere su casa.

“Guarda le gazze”, mi diceva mia mamma su skype quando mi lamentavo della neve, “se fanno il nido vuol dire che tra poco arriva la primavera”.

E povere gazze, loro il nido lo costruivano ma la neve continuava a seppellirglielo .

Ma ora ci siamo quasi e per contribuire anch’io a questa “festa della casa” decido di lavare il terrazzo.

Ore 10.30.

Il terrazzo è incrostato da uno strato di smog, o polvere anatolica come amano chiamarla, in ogni caso non riuscirò mai a pulirlo con il mocio. Prendo la pompa.

Ore 10.45

Non è così facile usare la pompa perché il rubinetto è nell’altro terrazzo, la pompa deve attraversare una veranda chiusa ed è tutta schiacciata e cotta dal sole. Spero che non si rompa sul tappeto della veranda.

Lulù e Gigì stanno strepitando da un ramo, spero che non ce l’abbiano con me, poi capisco o meglio sento: è il rumore di una motosega. Mi affaccio al bassissimo parapetto del terrazzo: un camion con un elevatore e sopra due giardinieri del comune con due motoseghe stanno sfrondando l’albero di Lulù e Gigì. All’inizio ho paura per il loro nido ma poi guardo meglio il  ramo, è un ramo grosso, forse il più grosso dell’albero, non possono certo tagliarlo. Mi rimetto ad armeggiare con la pompa.

Ore 11.00

Anche con la pompa è uno sbattone pulire il terrazzo. Ogni volta che passo con acqua e scopa si scioglie un nuovo strato di polvere anatolica dalle fessure delle mattonelle. Andando avanti così scoprirò che le mattonelle sono bianche e non beige scuro. Come se non bastasse la pompa si stacca dal rubinetto dell’altro terrazzo tutte le volte che il tubo si attorciglia. Caccio Michele in casa un paio di volte, ha la febbre e se ne vuole stare fuori. Enrico prepara la colazione. I giardinieri del comune continuano a tagliare rami e a farli volare in strada, va bene che hanno messo i cordoni ma è proprio un lancio del tronco dal quarto piano e poi le potature non si fanno in autunno? Non lo so, sono una capra in giardinaggio. Comunque ora l’albero ha un aspetto sbilenco.

Ore 11.15

Lulù e Gigì non hanno retto all’ansia di vedere il trabicolo del comune che si avvicina sempre più al loro nido. Ma credo che debbano sfoltire i rami che sono nati dal tronco principale. Anche la vicina sta pulendo il terrazzo aiutata da una donna, mette vasi pieni di fiori e tira fuori le sdraio. Anche noi abbiamo le sdraio e anche un dondolo lercio ma funzionante. La vicina, che solitamente è molto figa e curata oggi sfoggia una camicia da notte, o sciusciariella nel nostro linguaggio familiare, gialla con dei pizzi bianchi informe, a completare l’opera una fascia a fiori nei capelli ricci la rendono una perfetta Cesira.

Ore 11.30

‘E successo. Hanno preso le misure, la vicina ha urlato “Kuş var!” (ci sono gli uccelli), io ho urlato un generico no ma i giardinieri hanno tagliato il ramo ugualmente, con tanto di nido, forse uova, tutto il lavoro di Lulù e Gigì sfracellato al suolo. Due Penelope degli uccelli dovranno ricominciare da capo, forse, se saranno ancora in tempo.

Poi, come se quella fosse stata la loro missione fin dall’inizio, i giardinieri sono scesi dall’elevatore, hanno tagliato i rami in pezzi più piccoli e li hanno caricati sul camion. Poi se ne sono andati.

Hanno sfoltito solo l’albero di Lulù e Gigì, gli altri alberi che fiancheggiano  Çevre sokak non l’hanno toccati.  Il destino, travestito da giardiniere comunale, si è abbattuto sulle due gazze.

Ore 12

Lulù e Gigì sono tornati alla ricerca del loro nido. Non l’hanno trovato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...