FEMMINISMO A SCUOLA

Mi rifiuto di fare questo esercizio. La povera Seda, la mia insegnante, mi guarda perplessa. Sul libro di turco c’è uno di quegli stupidi esercizi sulle fortune di essere uomo o donna.

L’UOMO                                                                                   LA DONNA

Interessante                                                               Bella

Può aprire facilmente i barattoli                                Può cucinare da sola

Può girare senza borsa                                            Può avere scarpe coi tacchi da 10 cm

Se c’è caldo può girare senza camicia                   Da bambina non viene fotografata nuda

Può mangiare senza pensare alla dieta                  Può nascondere i brufoli col trucco

Gli basta una rosa per dichiararsi                           Non russa

Gli bastano telefonate da 30 secondi                     Entra facilmente ovunque

Ha solo due paia di scarpe                                   Trova facilmente le calze(mette in ordine)

Il parrucchiere costa poco                                     Dietro ogni uomo c’è una grande donna

Si rasa, si veste ed esce in 10 minuti                     Si ricorda gli anniversari

Non si trucca                                                          Può piangere al cinema

Può girare da solo la sera tardi                              E… può diventare mamma!!!!

A gettare benzina sul fuoco c’erano i compagniucci maschi dalla Siria, dall’Irak e dalla Palestina. Ma la cosa che mi ha più sconvolto è stata proprio Seda, una ragazza emancipata, che ha iniziato facendo una bella premessa sull’importanza dell’ugualianza di diritti tra uomo e donna e poi… la cosa più importante per una donna è diventare mamma!!!

Tamam, ok, è importante, per me la maternità è stata una rivelazione  perché mi ha fatto riconoscere nell’altra metà del cielo, mi ha aperto gli occhi sull’illusione dell’uguaglianza dei sessi ecc… ma da qua a… provo a dire che anche gli uomini diventano padri ma mi guardano come se dicessi che i marziani amano ballare la salsa. E sono l’unica mamma in classe.

Sono le dieci, tenefüs var, c’è la pausa, saliamo in caffetteria. I maschi della classe mi aprono la porta, mi fanno passare per prima, mi offrono il çay, mi offrono la sedia per farmi sedere e se non ne trovano un’altra restano in piedi. Provo a rifiutarmi, mi continuano a guardare con l’espressione: ecco quella dei marziani. Otur! E siediti!  Provo a rilanciare il discorso in pausa dicendo che anche agli uomini possono succedere cose brutte per la strada la notte. Dai loro sguardi deduco che la marziana sono io.

E ripenso a una frase che ho sentito varie volte e da persone diverse qui in Turchia: “I figli sono la mia missione”, “la tua missione è tuo figlio”… pensavo di capire male o che nel linguaggio semplificato che uso volesse dire che ho a cuore l’educazione del mio bambino. Mi sa di no, mi sa che volevano proprio dire che la missione di una donna sono i figli.

In realtà mi sembra di parlare con la nonna Maria, che per i suoi 90 anni è una donna molto liberale.

Ho la sensazione che manchi qualcosa nella storia di queste persone, uomini o donne che siano, manchino gli anni ’70, il femminismo, la rivoluzione sessuale.

Finisco il mio çay, mi alzo, mi aprono la porta, aspettano che esca per prima, provo a rifiutarmi, non si smuovono, mi tocca cedere per non essere maleducata.

E non è perché sono musulmani, i turchi, per la disperazione del palestinese, sono integralisti quanto un italiano medio.

W il femminismo. E noi che ci vergogniamo quasi di questa parola, non sapendo quanto è bella e importante e ci abbia cambiato, anche chi non lo sa, anche chi non è d’accordo o chi non era nato.

W la/il femminista che è il contrario del maschilista così come l’ecologista è il contrario di inquinante, pacifista di guerrafondaio, il sapiente dello stolto ecc…

Due correzioni: Il mio compagno africano è Angolano e non Congolese.

Con i miei compagni maschi si parla più di soldi che di politica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...