Via a Calata Gadda- Il giorno dopo le elezioni

Non capita forse a tutti di poter camminare su strade inesplorate. Genova è una città che nasconde, certo, ma  anche io ho una certa propensione a prendere strade conosciute, a voler rivedere gli stessi palazzi, le stesse mattonelle. Oggi, arrivata allo slargo che c’è costeggiati i magazzini del cotone, invece di tornare indietro come al solito, ho continuato per quella strada carrabile. In trentaquattro anni non l’avevo mai fatto. C’è una strada a due corsie che è contenuta da un lato dalle mura arancioni e vetro dei magazzini e dall’altro da un cancello grigio con lampioni bianchi. Oltre capannoni con scale anti incendio e parcheggi. Una sbarra gialla a metà della strada ne regola le entrate motorizzate. In fondo alla strada, da un lato le  mura di Genova, dall’altro una mastodontica Costa Crociera che galleggia nel porto. Il cielo è terso, screziato di bianco, il vento gelido secca le labbra.  Stiamo percorrendo strade sconosciute ma non bisogna avere paura, questa, per esempio, non è una bella strada ma è ottima per pattinare e, avendo i patini ai piedi, è un gran fortuna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...