La partita di pallone.

images-18Campo da calcio di Sfax. Sette grossi piloni sostengono 21 fari che illuminano a giorno i due campi d’erba finta. Ogni campo ha otto porte di diverse grandezze, dentro ragazzi e bambini in pantaloncini neri e magliette bianche a maniche lunghe. Il nero e il bianco sono i colori della squadra di calcio di Sfax che ha costruito l’impianto.

Percorriamo un sentiero che costeggia una fogna a cielo aperto e arriviamo a un terzo campo, più piccolo. Dentro 11 ragazzi di varie età ( un paio di ragazzi hanno i capelli bianchi) girano attorno al campo. Non c’è una sedia neanche a pagarla, mi siedo su due mattoni messi a T. Enrico corre con un collega, Michele si siede vicino a me su altri due mattoni rossi messi a T e chiede:

-Dove sono quelle cose….

– Le gradinate? Non ci sono.

Inizia la partita ed Enrico sfoggia un’attillata maglietta arancione. Anche a qualcun altro la maglietta identificativa (arancioni contro verdi) non è proprio larga. Dopo una mezz’ora sono tre a due a favore degli arancioni: le luci di tutti e tre i campi si spengono. Nessuno batte ciglio, la palla viene fermata e tutti si sdraiano a terra. Michele entra in campo, il collega di Enrico ci gioca assieme nel buio. Meglio dentro il campo che fuori a bordo fogna, nel buio. Ho freddo.

Si riaccendono le luci, Michele viene spedito fuori dal campo, riprende la partita.

Altri gol e nessuno dice nulla, anche a giocare a calcio sono silenziosi? Eppure come tifosi sono feroci e usano slogan in italiano come: “Siam pronti alla morte” e altre stronzate vagamente fasciste.

Un fallo, un tipo si incazza. Riprende la partita. Michele si annoia e inizia a gironzolare, mi tolgo la sciarpa arancione che ho al collo (è a quadretti ma non importa) e lo coinvolgo a fare il tifo: sventoliamo la sciarpetta come fosse una bandiera e urliamo cretinate il cui ritornello è: “Forza arancioni!”

Gli sfaxiani ci guardano stupiti: una notte, a bordo foga, oltre una rete da polli, una donna e un bambino sventolano una sciarpetta e urlano. Si spengono nuovamente le luci. Si vedono le stelle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...