Appunti prima lezione:

A: Merhaba

B: Merhaba

A: Benim adım Arianna. Sizin adınız ne? (oppure: senin adın ne?)

B: Benim adım Elena

A: Memnun oldum

B: Ben de memnun oldum

[A: Ciao

B: Ciao

A: Io mi chiamo Arianna. Lei come si chiama?(oppure: tu come ti chiami?)

B: Io mi chiamo Elena

A: Piacere

B: Piacere mio.]

 

Problem var mı?

Evet, var.

Hayır, yok

[Ci sono problemi?

Si, ci sono.

No, non ci sono]

 

A: Nasılsınız? (oppure: nasılsın?)

B: iyiyim, teșekkür ederim, siz nasılsınız?  (oppure: sen nasılsın?)

A: Ben de iyiym, teșekkürler.

[A: Come sta’? (oppure: come stai?)

B: Bene e lei come sta’? (oppure: come stai?)

A: Anche io sto’ bene, grazie.]

 

A: Ne haber?

B: Iyilik, senden ne haber?

A: Ben de iyiyim

[A: Cosa mi dici?

B: Tutto bene, e tu cosa mi racconti?

A: Anche io tutto bene.]

 

ALFABE (alfabeto)

A anne (mamma) [a]

B baba (papà) [b]

C civciv (pulcino) [givgiv, la c si pronuncia come la nostra g di gioco]

D dede (nonno) [d]

E elma (mela) [e]

F fare (topo) [f]

G gözlük (occhiali) [la g si pronuncia come la nostra g di goccia o ghiro]

Ğ aĞaç (albero) [è una lettera muta, ovvero che non si pronuncia ma indica che si deve raddoppiare la vocale che la precede, in turco non si possono avere due vocali vicino quindi se sentite due vocali vicine c’è un ğ in mezzo o una y]

H hastane (ospedale) [l’h si pronuncia]

I ıșık (luce) [è a metà tra una e e una i, gutturale]

İ inek (mucca) [i]

J jilet [j]

K Kapı (porta) [k, c come casa]

L Lamba (lampada) [L]

M mutfak (cucina) [m]

N nine (nonna) [n]

O otobüs (autobus) [o]

Ö ördek (anatra) [è a metà tra una o e una u, gutturale]

P pazartesi (lunedì) [p]

R rüzgar (vento) [r]

S saç (capelli) [s di sacco, sonora]

Ş șișe (bottiglia) [s di scivolo, dolce]

T tanta (legno o lavagna) [t]

U uçak (aereo) [u]

Ü üzüm (uva) [ü alla francese]

V vazo (vaso) [v]

Y yağmur (pioggia) [y]

Z zeytin (oliva) [z]

 

ÜNLÜ HARFLER (le vocali)

Le vocali sono molto importanti in turco perché comandano le assonanze vocaliche.

Per assonanza vocalica si intende il fatto che le vocali magre vanno  in giro assieme alle magre e le grasse vanno a braccetto solo con le grasse. Andare in giro ha tante valenze, la prima è che se siete nel dubbio se una parola si scrive in un modo o in un altro, generalmente potete dedurlo dalle altre vocali (poi ci sono tante parole che non fanno così, sopratutto se derivano da altre lingue, ma generalmente…). L’assonanza vocalica comanda tutta la grammatica turca.

kalın ünlüler ovvero le vocali grasse

a,ı,o,u

ince ünlüler ovvero le vocali magre

e,i,ö,ü

 

A: Nerelisiniz? (oppure: nerelisin?)

B: Ben İtalyanım/ İtalyalıyım. Siz nerelisiniz? (oppure: nerelisin?)

A: Ben de İtalyalıyım

[A: Di dove è? (oppure: di dove sei?)

B: Io sono italiana. lei di dove è? (oppure: di dove sei?)

A: Anche io sono italiana.]

Nazionalità

Per creare la nazionalità basta prendere il nome del paese e aggiungere -li,-lü,-lu,-lı.

per esempio: İtalyalıyım: İtalya + lı + y+ ım (questo yım è il verbo essere, io sono)

-LƗ

-lu       -lı       -lü       -li

esempio:

tunus-lu (tunisia- tunisino)

amerika-lı (america-americano)

ürdün-lü (giordania-giordano)

ingiltere-li (inghilterra-inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...